‘A PATRUNEDDA

15,00

In una comunità in cui la legge del silenzio è regola aurea, il passato resta sopito dal tempo in quel microcosmo di una “Sicilia  “furba”, dedita alle più utilitarie pratiche della violenza e della frode” , come citava lo scrittore e poeta Gesualdo Bufalino. Ma come nelle migliori fiabe Lucia Zappulla, siciliana con forti radici nella sua terra, sa risvegliare con dolcezza i sentimenti filiali della protagonista per riprendere un cammino interrotto dalla volontà di chi avrebbe dovuto donare amore e protezione. L’autrice trasmette con questo romanzo la sicilianità alla quale è legata e che l’annovera tra gli scrittori che sanno descriverne la mentalità antica che si estenua nell’angoscia del possesso dei beni, la “roba” come la definiva Giovanni Verga, un’ossessione che perseguita come ragione stessa di vita che non lascia spazio agli affetti, neppure più vicini, i quali vengono sacrificati pur di non rinunciarvi. Vite siciliane da capire, sono quelle raccontate in queste pagine, poiché la Sicilia mostra sempre la sua sorte, a fare da cerniera fra culture del deserto, rigidità e apertura, sentimenti di sofferenza che si districano tra gli intrecci di sangue e il filo del proprio destino.

Non è solo un romanzo denso di emozioni e sorprese, ci mostra cosa significhi per una donna siciliana capire se stessa, assolversi o condannarsi nel dissidio fondamentale che la travaglia, fra odio e amore di un’intimità che si porta nel cuore, con orgoglio, diffidenza e senso del pudore.

La scrittrice Francine Prose, in Odissea siciliana, sostiene: “È facile essere felici in Sicilia, ma è un’operazione che richiede un adattamento biologico oltre che culturale: bisogna imparare a vivere il tempo alla maniera siciliana”.

Così dal percorso di queste donne, vinte inizialmente dalla cupidigia e costrette a dibattersi dentro una sorte a loro designata e beffarda si trasforma in rivincita e gioia per il futuro. E qui si percepiscono i sentimenti di rabbia verso  l’aridità del cuore, dal quale non ne restano contaminate ma dai quali riescono a riemergere in una nuova esistenza, contornata proprio da quella “roba” ragione del loro travaglio: quei vigneti che donano frutti dorati e da un amore che può sbocciare sempre dove il suolo appare più arido.

Descrizione

AUTORE: Lucia Zappulla
TITOLO: ‘A PATRUNEDDA
COLLANA: ANTONELLO DI CARLO
GENERE: romanzo di donne siciliane e omertà
PAGINE: 100
ANNO: ©2023 DI CARLO EDIZIONI
ISBN-13: 9791281566040
PREZZO: €. 15,00
DISPONIBILE FORMATO KINDLE AL LINK:
‘A Patrunedda (PEGASO Vol. 7) eBook : Zapulla, Lucia: Amazon.it: Kindle Store

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‘A PATRUNEDDA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *